Gli gnomi

(Lettura ad alta voce di Valentina Volpato)

 

Gli gnomi

Di Jacob e Wilhelm Grim

C’era una volta un calzolaio che, senza averne colpa, era diventato cosi povero che non gli rimaneva altro che un pezzo di cuoio per fabbricare un solo paio di scarpe. Cosi alla sera le preparò tagliate per poi iniziare il lavoro di cucitura il mattino successivo. E poiché aveva la coscienza a posto si mise tranquillamente a letto, si raccomandò al buon Dio e si addormentò.

Il giorno seguente, dopo che si fu alzato ed ebbe detto le sue preghiere, si accinse al lavoro ma trovò entrambe le scarpe già pronte sul tavolo. Rimase così meravigliato da non sapere cosa dire. Prese in mano le scarpe per esaminarle meglio: erano fatte così bene da non avere neppure una cucitura fuori posto. Un autentico capolavoro.

Poco dopo entrò nel negozio un cliente e le scarpe gli piacquero talmente tanto que le pagò più del loro prezzo. Il calzolaio poté così comprarsi il cuoio per fabbricare due paia di scarpe.

Le preparò tagliate alla sera e il mattino seguente voleva mettersi al lavoro di buona lena ma non ce ne fu bisogno, poiché al suo risveglio le trovò già pronte. I compratori non mancarono e gli pagarono così tanti soldi che poté acquistare il cuoio per quattro paia. Il mattino seguente trovò anche queste scarpe pronte e le cose continuarono ad andare avanti così; ciò che lui alla sera tagliava al mattino era pronto, di modo che ebbe di nuovo delle buone entrate e presto fu un uomo benestante.

Ora accade una sera, poco prima di Natale, che l’uomo, dopo aver tagliato il cuoio e prima di andare a letto dicesse a sua moglie: – Cosa ne diresti se stanotte rimanessimo alzati, per scoprire chi ci fornisce questo aiuto prezioso?

La donna fu d’accordo e così accesero un lume e poi andarono a nascondersi in un angolo della stanza, dietro gli abiti appesi. Da lì si misero a spiare.

Quando fu mezzanotte arrivarono due graziosi omini nudi i quali si posero davanti al tavolo di lavoro del calzolaio, presero il cuoio tagliato e, con le loro minuscole dita, iniziarono a infilzare aghi, cucire e ribattere con tale velocità e precisione che l’uomo non riusciva a distogliere gli occhi per la gran meraviglia. Non si arrestarono un attimo finché tutto fu portato a termine e il lavoro fu in bella mostra sul tavolo. Subito dopo schizzarono via.

Il mattino seguente la moglie parlò così: – Quegli omini ci hanno resi ricchi. Dovremmo mostrarci rinoscenti nei loro confronti. Vanno in giro senza uno straccio addosso e rischiano di gelare. Sai una cosa? Voglio cucire per loro camicia, giacca, corsetto e pantaloni e lavorare a maglia un paio di calze per ciascuno; tu invece farai un paio di scarpe a entrambi.

L’uomo disse: – Ne sarò ben felice.

Alla sera, quando tutto fu pronto, posero sul tavolo da lavoro i regali invece del cuoio tagliato, e poi si nascosero per vedere l’effetto che avrebbero avuto.

A mezzanotte giunsero gli gnomi a  balzelli e volevano mettersi al lavoro, ma quando al posto del cuoio trovarono quei graziosi abitini confezionati, prima si meravigliarono, poi furono travolti dalla gioia.

Rapidamente si vestirono, passarono le mani su quegli abiti, ancora increduli, quindi intonarono una canzoncina:

Or che abbigliati di tutto punto siamo
di fare i calzolai noi smettiamo.

Ballarono, saltarono, schizzarono su sedie e banchi e alla fine, sempre danzando, si diressero alla porta. Da allora in poi non tornarono più, ma al calzolaio de le cose andarono bene finché visse ed ebbe fortuna in tutto ciò che intraprese.

👉 I migliori libri per imparare l’italiano!

 

Ti racconterò tutte le storie che potrò

(Lettura ad alta voce di Alessandro D’Amore)

 

Mentre Paolo mi parlava di quella parte di città in cui era nato, la Kalsa.

Lui amava le strade e i palazzi che raccontano la storia. Era come se il suo cuore battesse con lo stesso ritmo di tutti i sognatori di Palermo. E in quel momento sentivo che anche il mio cuore batte a con tutti loro. Paolo tornò a parlarmi della sua professione, che l’aveva già forgiato. Era un uomo che cercava la verità. Mi disse: “dove non c’è verità non c’è giustizia”. E poi aggiunse: “La giustizia lenta è un’ingiustizia per la società. Ecco perché non posso concedermi molti spazi per me. Tanta gente aspetta una mia decisione. E oggi è una giornata preziosa, unica”. Per me lo era già una giornata speciale. Quella mattina in riva al mare mi innamorai di Paolo. E lui di me. Era come se ci fossimo innamorati per la prima volta, anche se avevamo già la nostra età. Lui ventott’anni, io venticinque. Vorrei tanto augurare la nostra felicità di quel giorno a tutti i giovani, a quelli che sono già innamorati e a quelli che ancora non lo sono. L’amore è fondato sulla condivisione. E quel giorno, quei due ragazzi iniziavano a condividere i loro pensieri, le loro parole. Io gli raccontavo dei miei sogni. Lui mi raccontava le sue storie. E quella passeggiata al foro italico sembrava non dover finire. Mi ricordo, era vestito con degli abiti semplici, quasi umili direi. Un pantalone e una maglietta, nient’altro. Non è mai cambiato in questo.

 

👉 I migliori libri per imparare l’italiano!

 

I giorni della merla

(Lettura ad alta voce di Cristina Crecente)

Cosa sono “I giorni della merla“?
Perché si chiamano così?

Quella che state leggendo è una storia antica, ma molto affascinante: la leggenda dei tre giorni della merla.

Secondo quello che ci è stato tramandato, sappiamo solo che così venivano chiamati  gli ultimi tre giorni di gennaio, il 29, 30 e 31.
Durante quei giorni, a Milano, ci fu un inverno molto rigido e freddo. Cadde tanta neve bianca e soffice che si era distesa come un candido tappeto su tutte le strade e i tetti della città: il paesaggio era davvero stupendo!

I protagonisti di questa storia sono un merlo, Pasquino, una merla, Nerea e i loro tre figlioletti: Verina, Podino e Sirino. La bella famigliola era arrivata in città verso la fine dell’estate e aveva sistemato il nido su un alto albero nel cortile di un palazzo del quartiere Porta Nuova.

Lì si erano sistemati bene, ma l’inverno era arrivato presto e il freddo era gelido e pungente; per questo Nerea, un giorno, disse a Pasquino: “Il freddo è troppo e la neve è tanta: i nostri piccoli moriranno! Dobbiamo cercare un altro rifugio”.
Così, Pasquino, dopo aver perlustrato la zona, decise di sistemare il nido sotto una grondaia al riparo dalla neve che in quell’anno era particolarmente abbondante. Ogni giorno Pasquino e Nerea si davano il turno per mettersi alla ricerca di cibo per i loro piccoli.
Ma era molto difficile perché il gelo aveva congelato e irrigidito ogni cosa e la neve copriva ogni piccola briciola.

Fu così che un giorno il merlo Pasquino decise di volare nei paesi vicini a Milano, deciso a trovare un rifugio più caldo per la sua famiglia e disse a Nerea: “Volerò ai confini della città, per trovare un posto più accogliente per noi e i nostri piccoli!”.
Intanto, continuava a nevicare e così la merla Nerea, per proteggere i merlottini intirizziti dal freddo e sofferenti per la fame, decise di spostare il nido su un tetto vicino, dove fumava il comignolo di un camino da cui proveniva un po’ di tepore.

Il freddo gelido e tenace durò tre giorni: il 29, il 30 e il 31 gennaio. Quando, dopo questi tre giorni, tornò il merlo Pasquino, quasi quasi non riconosceva più la moglie e gli amati figlioletti perché erano diventati tutti neri per il fumo che usciva dal comignolo del camino!

Il primo giorno di febbraio fece capolino un pallido sole e uscirono tutti dal nido invernale; anche il capofamiglia Pasquino si era scurito tutto perché aveva dormito tutta la notte  abbracciando teneramente i suoi piccoli e la sua amata Nerea.

Da allora, i merli nacquero tutti neri; i merli bianchi diventarono un’eccezione!

Fu così che gli ultimi tre giorni di gennaio, che di solito sono i più freddi, furono detti i “tre giorni della merla”, per ricordare l’avventura di questa famigliola di merli milanesi.

👉 I migliori libri per imparare l’italiano!

 

Il piccolo principe

(Lettura ad alta voce di Ivana Balesova)

Un tempo lontano, quando avevo sei anni, in un libro sulle foreste primordiali, intitolato “Storie vissute della natura”, vidi un magnifico disegno. Rappresentava un serpente boa nell’atto di inghiottire un animale. Eccovi la copia del disegno.
C’era scritto: “I boa ingoiano la loro preda tutta intera, senza masticarla. Dopo di che non riescono piu a muoversi e dormono durante i sei mesi che la digestione richiede”.
Meditai a lungo sulle avventure della jungla. E a mia volta riuscii a tracciare il mio primo disegno. Il mio disegno numero uno. Era cosi:
Mostrai il mio capolavoro alle persone grandi, domandando se il disegno li spaventava. Ma mi risposero: “Spaventare? Perché mai, uno dovrebbe essere spaventato da un cappello?” Il mio disegno non era il disegno di un cappello. Era il disegno di un boa che digeriva un elefante. Affinché vedessero chiaramente che cos’era, disegnai l’interno del boa. Bisogna sempre spiegargliele le cose, ai grandi. Il mio disegno numero due si presentava cosi:
👉 I migliori libri per imparare l’italiano!

 

La vispa Teresa

La farfalletta (La vispa Teresa), di Luigi Sailer

(Lettura ad alta voce di Juan Esteban Orrego)

 

La vispa Teresa
avea tra l’erbetta
a volo sorpresa
gentil farfalletta
e tutta giuliva
stringendola viva
gridava a distesa:
“L’ho presa! L’ho presa!”.

A lei supplicando
l’afflitta gridò:
“Vivendo, volando
che male ti fò?
Tu sì mi fai male
stringendomi l’ale!
Deh, lasciami! Anch’io
son figlia di Dio!”.

Teresa pentita
allenta le dita:
“Va’, torna all’erbetta,
gentil farfalletta”.
Confusa, pentita,
Teresa arrossì,
dischiuse le dita
e quella fuggì.

👉 I migliori libri per imparare l’italiano!

Andare in brodo di giuggiole

 


View this post on Instagram

Conoscete l’espressione “andare in brodo di giuggiole”? Come la tradurreste in un’altra lingua?

A post shared by Impariamo l’italiano! 🎗 (@impariamoitaliano) on


Conoscete l’espressione popolare “andare in brodo di giuggiole”?

“Andare in brodo di giuggiole” è un modo di dire molto usato in italiano, spesso con una sfumatura scherzosa. In senso figurato, significa “essere estremamente contento fino al punto di uscire quasi di sé dalla contentezza”.

Vediamone alcuni esempi di uso:

Quando Maria ha saputo di essere incinta, è andata in brodo di giuggiole.
Quando le ho chiesto di sposarmi, Anna è andata in brodo di giuggiole.
Il mio gatto va in brodo di giuggiole ogni volta che gli do i croccantini al pollo.

Modi di dire in italiano e in altre lingue

Avere le braccine corte
Il modo di dire avere le braccine corte indica una persona molto tirchia.


Chiodo scacchia chiodo
Si usa soprattutto in ambito sentimentale: solo una nuova storia d’amore è in grado di far dimenticare le delusioni derivate della precedente.


Vederne di tutti i colori
Avere una grande e vasta esperienza di vita; avere visto molte e diverse cose, situazioni e simili.


Pronto!

Pronto!

Ecco un libro di Manuela Gassner (prima Bösch) che dall’Austria mi ha mandato il suo libro “Pronto!”. Manuela all’età di 15 anni ha cominciato a studiare l’italiano al liceo. Ha scelto l’italiano invece del francese (come facevano tutti i suoi compagni di scuola) dopo aver conosciuto Alessandro, il suo amico migliore amico, in una vacanza in Italia. Ancora oggi un legame forte e un’amicizia vera lega tutt’e due. In seguito ha studiato gli studi culturali romani anche all’università. All’inizio dei suoi studi ha ricevuto la possibilità di cominciare a insegnare l’italiano in corsi serali per adulti e allo stesso tempo ha anche cominciato a dare ripetizioni d’italiano per studenti. Sono passati 13 anni da allora e la passione per l’italiano e il lavoro c’è ancora. Così è nata una raccolta di tanti esercizi e un giorno, circa 6 anni fa, ha avuto l’idea di farne un libro. Ecco “Pronto!”, scritto per studenti (di lingua tedesca) dell’italiano che vogliono capire la grammatica (ce n’è la teoria) e avere la possibilità di studiarlo con esercizi diversi.

Acquista il libro su Amazon!

Modi di dire italiani sul vento

Tira vento

Andare col vento in poppa
Procedere felicemente, senza problemi, favoriti dalla sorte e senza incontrare ostacoli.

Campare di vento
Mangiare pochissimo. Anche non avere grandi esigenze o bisogni, accontentarsi di poco; vivere frugalmente magari per necessità, non avendo alcuna risorsa. Spesso scherzoso o ironico.

Capire che vento (o che aria) tira
Capire la situazione in cui ci si trova e soprattutto quello che sta per succedere.

Come il vento
Molto velocemente, detto di una cosa o di una persona che si muove o si sposta a grande velocità.

Esposto ai quattro venti
In posizione molto esposta, per nulla riparata, soggetta quindi a essere battuta dai venti che soffiano dai quattro punti cardinali. In senso figurato, essere esposti alle azioni dannose di più persone.

Essere pieno di vento
Essere una persona vanitosa, boriosa, tronfia, senza spessore culturale, umano e così via.

Farsi vento
Rimanere inattivi, restare in ozio, avendo come unica occupazione quella di rinfrescarsi con un ventaglio.

Fiutare il vento
Cercare di capire in che posizione ci si trova rispetto a una situazione o un avvenimento in cui si è coinvolti; in particolare, in una situazione di

Gridare ai quattro venti
Divulgare largamente una notizia, detto soprattutto di qualcosa che sarebbe meglio non divenisse di dominio pubblico. Anche tradire un segreto, una confidenza e simili.

Gridare al vento
Parlare inutilmente, senza essere ascoltati, come rivolgendosi al vento che passa senza fermarsi e inoltre porta lontano le voci. Riferito in particolare ad avvertimenti, grida d’allarme e simili.

Pascersi di vento
Accontentarsi o vivere di cose vane, senza sostanza.

Prendere il vento
Avviarsi, mettersi in moto, detto spesso di un’iniziativa, un’impresa e simili che sta per iniziare o che comincia a dare buoni risultati.

Restare con le mani piene di vento
Rimanere delusi, a mani vuote, senza avere ottenuto nulla di quanto si era sperato o per il quale ci si era affaticati.

Secondo il vento che tira
Secondo l’opportunità del momento; per estensione, adeguandosi alla posizione vincente per trarne vantaggio.

Seminare al vento
Dedicarsi a un’attività improduttiva; sprecare tempo e fatica, fare una cosa sciocca o inutile, come gettare i semi non nella terra quanto nel vento, che li porta via. In particolare, vedere sprecate le proprie fatiche, i propri sforzi, i risultati del proprio lavoro. Si dice anche di chi dà suggerimenti e consigli che rimangono inascoltati.

Volgersi a tutti i venti
Cambiare continuamente idea, per opportunismo, per leggerezza o influenzabilità di carattere, come anche per semplice curiosità.

Tipi di pane

Ecco alcuni tipi di pane italiani:

Biova
Chifel
Filone
Carasau
Michetta
Rosetta
Pagnotta
Ciabatta
Grissini




Questo sito usa i cookie, anche di terze parti. Se continui a navigare nel sito, presti consenso a tale uso dei cookie.