Modi di dire italiani sui cani

Modi di dire sui cani

Alcuni modi di dire italiani sui cani:

battere il cane al posto del padrone
Non potendo affrontare un potente, sfogare il proprio risentimento su qualcuno di più debole che gli sta vicino.

cane da pagliaio
Persona che inveisce o minaccia ma che in realtà è inoffensiva; persona vanagloriosa, che chiacchiera molto ma non conclude mai niente, oppure che fa molte promesse ma che è incapace di mantenerle poiché gliene mancano le possibilità.

cane grosso
Persona importante, influente, potente.

cane sciolto
Persona che rifiuta di seguire le norme della società, o che preferisce agire da sola, evitando le regole di un gruppo.

color can che scappa
Colore che non si può definire con precisione, tra il bruno e il grigiastro, come quello di un ipotetico cane in fuga che non si riesce a distinguere bene.

da cani
Molto male, detto di una situazione difficile o dolorosa, oppure di un lavoro o di un’azione eseguiti malamente.

essere come cane e gatto
Trovarsi in continuo disaccordo, litigare costantemente solo per prese di posizione o questioni di principio.

essere un cane
Essere una persona ignobile, spregevole o crudele.

fare come il cane di Esopo
Perdere un bene o una posizione acquisita per essersi lasciati allettare dal miraggio di un beneficio maggiore.

figlio (o razza) di un cane
Insulto generico per una persona spregevole, disonesta o comunque detestata cui si rifiuta anche l’appartenenza al genere umano.

fortunato come un cane in chiesa
Ironico: sempre molto sfortunato.

freddo cane
Un freddo terribile.

menare il can per l’aia
Tergiversare, temporeggiare, perdere tempo in chiacchiere o azioni diversive senza arrivare a una conclusione, o per rimandare e possibilmente evitare l’adempimento di un impegno.

morire come un cane
Morire in solitudine, abbandonato e dimenticato da tutti.

non esserci neanche un cane
Non esserci proprio nessuno.

non svegliare il can che dorme
Non provocare chi potrebbe reagire in maniera imprevedibile.

povero cane
Persona per cui si nutre compatimento, pietà, o che si desidera difendere da calunnie, accuse o sospetti immeritati.

sembrare un cane bastonato
Avere l’aria avvilita, triste, vergognosa, come quella di un cane percosso dal padrone per una bravata.

stare come il cane alla catena
Stare in un posto molto malvolentieri ma non avere alcuna possibilità di fare altrimenti; dover subire una situazione sgradevole senza potere agire.

Svegliare il can che dorme
Mettersi nei guai o causare una situazione spiacevole per avere inutilmente stuzzicato, provocato, o molestato persone suscettibili, oppure per aver sollevato questioni delicate.

tempo da cani
Brutto tempo.

trattare come un cane
Maltrattare, trattare malissimo o con modi villani, come un cane che fosse entrato in chiesa.

 

Perfeziona il tuo italiano con www.impariamoitaliano.com!

Modi di dire col verbo “rompere”

Alcuni modi di dire italiani col verbo “rompere”:

 

rompere l’anima
Infastidire, disturbare, seccare; privare della tranquillità che deriva da un animo sereno.

rompere il ghiaccio
Vincere l’imbarazzo, l’esitazione e la freddezza iniziali in un nuovo rapporto interpersonale acquistando confidenza.

rompere l’incanto
Interrompere uno stato di felicità o d’emozione fantastica riportando alla realtà, come rompendo un incantesimo.

rompere gli indugi
Passare all’azione, ponendo fine a ogni incertezza.

rompere il muso
Percuotere, picchiare violentemente qualcuno, come se gli si volessero rompere le ossa del volto. Usato più che altro come minaccia.

rompere le ossa
Rompere la testa

rompere il passo
Perdere il ritmo di un’azione o non riuscire ad adeguarsi a quello degli altri.

rompere i ponti
Non avere più rapporti con qualcuno.

rompere i ranghi
Sciogliere lo schieramento.

rompere le righe (o le file)
Sfuggire al controllo, rifiutare di riconoscere un’autorità o simili. Anche sbandarsi, muoversi o agire disordinatamente, senza coordinamento, per mancanza di una precisa direzione.

rompere le scatole (o le tasche)
Infastidire pesantemente, scocciare.

rompere la schiena
Affaticare moltissimo, fiaccare.

rompere i timpani
Assordare qualcuno con rumori forti.

rompere le uova nel paniere
Sconvolgere i piani, i progetti di qualcuno.

voler la frittata senza rompere le uova
Pretendere un vantaggio o un beneficio senza pagarne il prezzo. Usato principalmente per persone avide che cercano di avere tutto gratis.

chi rompe paga e i cocci sono suoi (proverbio)
Chi ha commesso un errore ne subisce le conseguenze.

 

Perfeziona il tuo italiano con www.impariamoitaliano.com!

Modi di dire con la parola “bocca”

Alcuni modi di dire con la parola “bocca”:

 

a bocca asciutta
Senza niente, nonostante le premesse favorevoli, rimanendo insoddisfatti, delusi o scornati dopo avere sperato in qualcosa.

a bocca stretta
Controvoglia, malvolentieri, come chi cerca di esibire un sorriso forzato a labbra tirate.

avere la bocca che sa ancora di latte
Essere ancora giovani o inesperti.

avere molte bocche da sfamare
Avere molte persone a cui provvedere, di solito famigliari a carico.

bocca inutile
Persona improduttiva, che non porta reddito e pesa sul bilancio famigliare.

cavare di bocca
Far parlare qualcuno, estorcergli le parole a forza di insistenze, come se avessero una loro materialità.

cucirsi (o tapparsi) la bocca
Non parlare, soprattutto nel senso di mantenere un segreto.

dire per bocca di qualcuno
Far dire a qualcun altro, far sapere qualcosa per mezzo di un’altra persona.

essere di bocca buona
Essere una persona facile da accontentare.

essere di bocca larga e di mano stretta
Fare molte promesse e mantenerne poche. Essere generosi solo a parole.

essere sulla bocca di tutti
Di una persona, essere oggetto di pettegolezzo, far parlare di sé in senso quasi sempre negativo. Di un episodio o di un avvenimento, essere di dominio pubblico, essere noto a tutti.

far bocca d’orcio
Torcere la bocca, dimostrandosi smorfiosi e schizzinosi.

fare la bocca a qualcosa
Abituarsi a qualcosa, così come si fa l’abitudine a un sapore nuovo.

lasciarsi scappare di bocca
Rivelare una confidenza o un segreto nonostante l’intenzione di non farlo. Lasciarsi sfuggire qualcosa che si dovrebbe tacere.

mettere in bocca a qualcuno
Attribuire a qualcuno un’affermazione, un giudizio. Anche suggerire a qualcuno un comportamento, una frase e simili.

non aprir bocca
Tacere o non rispondere, per nascondere qualcosa, per non confessare una colpa, per non rivelare un segreto e così via.

passare di bocca in bocca
Diffondersi rapidamente, detto di una notizia e simili, come se venisse riferita da una persona all’altra.

restare a bocca aperta
Ammutolire per sorpresa o meraviglia, come se si fosse incapaci di parlare. Anche rimanere stupiti, o in ammirazione di qualcosa.

restare con la bocca amara
Dopo un’azione portata a termine, non provare la soddisfazione che ci era aspettati, essere delusi o amareggiati.

rifarsi la bocca
Cancellare un sapore sgradevole mangiando qualcosa di buono. In senso figurato, cancellare una brutta impressione con qualcosa di piacevole.

sciogliere la bocca al sacco
Decidersi a parlare; sfogarsi; in particolare, tradire o rivelare segreti altrui.

 

Perfeziona il tuo italiano con www.impariamoitaliano.com!

 

Modi di dire con la parola “orecchio”

a orecchio
Senza una conoscenza teorica della musica; senza leggere lo spartito. In senso lato, riferito a un discorso o simili, parlare per sentito dire o senza conoscenza diretta dell’argomento, oppure improvvisando su un tema cui non si era preparati, regolandosi secondo la situazione che si ha di fronte.

allungare le orecchie
cercare di ascoltare un discorso altrui, o di carpire informazioni varie, senza farsi notare.

aprire bene le orecchie
Prestare la massima attenzione, stare molto attenti a quanto si sta per ascoltare.

aver l’orecchio fine
Sentirci molto bene, avere un udito particolarmente sensibile e sviluppato Anche figurato.

avere gli orecchi foderati di prosciutto
Non sentire o fingere di non sentire, come se si avessero le orecchie coperte da grosse fette di prosciutto che non lasciano passare i suoni.

avere le orecchie lunghe
Essere indiscreti, curiosi, invadenti; ascoltare anche indebitamente i discorsi altrui e quindi sapere tutto di tutti. In senso lato, anche origliare, spiare.

avere orecchio
Avere un udito molto acuto, e in particolare avere grande attitudine a percepire con precisione l’armonia dei suoni o l’intonazione delle note musicali.

entrare da un orecchio e uscire dall’altro
Essere immediatamente dimenticato, non rimanere impresso nella memoria perché ritenuto di poco conto.

essere duro d’orecchio
Sordo o sordastro. In senso figurato, si dice anche di chi finge di non sentire, come se si avesse l’orecchio poco elastico e quindi indurito.

essere tutt’orecchi
Essere molto concentrati e attenti nell’ascoltare qualcosa, esserne molto interessati.

fare orecchie da mercante
Fingere di non sentire, di non aver capito.

mettere la pulce nell’orecchio
Insinuare un dubbio, un sospetto, una curiosità.

non aver né bocca né orecchi
Evitare di farsi coinvolgere in qualcosa, come rifiutandosi di parlare e di ascoltare. Anche essere molto discreti.

non avere né occhi ne orecchie
Essere il massimo della discrezione, fingere di non vedere e non sentire nulla, come se si fosse privi di occhi e di orecchie.

non sentirci da un orecchio
Non volere ascoltare, e in particolare non voler esaudire una richiesta con la scusa di non averla sentita perché pronunciata dalla parte dell’orecchio sordo.

rizzare le orecchie
Mostrare un interesse improvviso per un discorso che si sente, e quindi ascoltarlo con estrema attenzione.

sentirsi fischiare le orecchie
Un’antica credenza vuole che se qualcuno parla di una persona assente, questa si sente fischiare le orecchie.

stare con l’orecchio teso
Stare molto attenti per captare il minimo rumore, soprattutto per capire se sta arrivando qualcuno che si aspetta o si teme.

sturare le orecchie a qualcuno
Costringere qualcuno ad ascoltare, fargli capire bene quello che non vorrebbe sentire.

tapparsi le orecchie
Rifiutarsi di ascoltare.

tendere l’orecchio
Stare bene attenti per cercare di sentire quello che viene detto o altro.

tirare le orecchie
Rimproverare in tono blando, quasi bonario, per errori, difetti o mancanze di poco conto.

Modi di dire con la parola “naso”

Modi di dire con la parola naso
 
 
a naso (o a lume di naso)
Seguendo il proprio intuito.

Andare a naso
Basarsi sul proprio istinto.

andare in giro col naso per aria
Camminare guardandosi intorno senza badare a dove si mettono i piedi e quindi anche inciampare e cadere.

allungare il naso
Allungare il collo.

arricciare (o storcere) il naso
Con riferimento al valore simbolico del gesto, esprimere disgusto o disapprovazione.

avere buon naso
Avere un buon intuito.

Avere il naso come un peperone
Avere un naso grosso e rossastro.

avere la puzza sotto il naso
Essere altezzoso, darsi delle arie.

bagnare il naso
Battere qualcuno, vincerlo nettamente, surclassarlo in una competizione, soprattutto facendogli fare una pessima figura.

con tanto di naso / con un palmo di naso
Sconfitti, delusi e scornati; anche stupefatti.

dar di naso
Incontrare, imbattersi inaspettatamente in qualcuno o qualcosa, come se ci si fosse andati a sbattere addosso picchiando il naso.

dar nel naso
Essere fastidiosi, molesti per qualcuno; creargli disturbo.

farla sotto il naso
Contravvenire a un divieto, oppure compiere un’azione ai danni di qualcuno senza che l’interessato se ne accorga, raggirandolo con garbo e astuzia ma senza darsi la pena di nascondersi, quasi come se si agisse davanti ai suoi occhi senza tuttavia essere visti.

ficcare (o mettere) il naso
Intromettersi, impicciarsi.

lasciare con un palmo di naso
Far rimanere qcn. deluso o sbalordito.

menare (o prendere) per il naso
Prendere in giro qualcuno in vari modi, per lo più dandogli a credere cose non vere e a volte incredibili, o raggirandolo, o facendosi beffe di lui.

mettere il naso fuori
Uscire di casa.

mettere sotto il naso
Far vedere o dimostrare qualcosa a qualcuno in maniera molto chara ed evidente, come mettendogliela vicinissima, direttamente sotto gli occhi, così che non possa non vederla.

non ricordare dal naso alla bocca
Mancare assolutamente di memoria. Dimenticarsi delle cose in fretta e facilmente, anche per distrazione.

non vedere più in là del proprio naso
Vederci poco. In senso figurato, essere di vedute limitate, o mancare di lungimiranza, di previdenza, d’iniziativa e simili. Anche essere lenti a capire.

saltare la mosca al naso
Venire un attacco di rabbia, spazientirsi.

sbatterci il naso
Incappare nella prova evidente di qualcosa a cui non si voleva credere; trovarsi di fronte a un fatto di cui si è sottovalutata l’importanza o il pericolo. Riferito a persone, incontrarle inaspettatamente.

sbattere la porta sul naso
Rifiutarsi di ricevere qualcuno, come chiudendolgi la porta in faccia impedendogli così di entrare. Anche figurato, riferito a un rifiuto netto e deciso.

soffiare il naso alle galline
Fare una cosa stupida, inutile, ridicola, oppure intestardirsi in un’impresa impossibile.

sotto il naso
Vicinissimo.

stare col naso all’aria
Restare inoperosi, magari con gli occhi fissi nel vuoto come se si fosse intenti a guardare attentamente qualcosa.

tapparsi il naso
Adattarsi, spec. per necessità, a una situazione che risulta estremamente sgradevole.

vincere di un corto naso
Vincere di stretta misura.
 
 
 




Modi di dire con la parola “culo”

Modi di dire con la parola culo

avere culo
Avere fortuna.

avere il fuoco sotto il culo
Non riuscire a star fermi; essere agitati, irrequieti, impazienti, smaniosi; dimostrare di avere molta fretta.

avere le pezze al culo
Non avere il denaro per comprare un paio di pantaloni nuovi e portare quelli vecchi rattoppati nei punti più lisi.

bocca a culo di gallina
Riferito a bocca piccola circondata da rughe.

dar via il culo
Propriamente, prostituirsi da parte di un uomo. In senso figurato, vendersi, rinunciare alle proprie idee o piegarsi a un’azione riprovevole per ricavarne vantaggio.

dare anche il culo
Essere disposti a fare qualsiasi cosa per raggiungere uno scopo. In particolare, adulare in modo smaccato.

essere culo e camicia
Essere molto amici, molto uniti, quasi inseparabili.

essere un paraculo
Si dice di persona furba e opportunista, abile nel fare il proprio interesse senza darlo a vedere.

fare il culo a qualcuno
Recargli danno o rimproverarlo aspramente.

farsi un culo così
Affaticarsi, faticare; dedicarsi al lavoro, allo studio e simili con impegno, diligenza e fatica.

fatto con il culo
Fatto malissimo, senza nessuna attenzione o cura, di malavoglia, come se non ci si fosse nemmeno presi il disturbo di usare le mani.

in culo al mondo
In luogo remoto e indefinito.

leccare il culo a qualcuno
Essere sfacciatamente adulatore.

mandare a dar via il culo (o mandare a fare in culo)
Allontanare qualcuno in modo villano; decidere di non vedere più una data persona.

mettere nel culo
Imbrogliare, raggirare, truffare.

prendere (o pigliare) per il culo
Beffare; dileggiare, prendere in giro.

restare col culo per terra.
Restare senza niente, rovinarsi, fallire, soprattutto in senso economico.

 


 

Perfeziona il tuo italiano con www.impariamoitaliano.com!

Modi di dire con la parola “acqua”

Modi di dire con la parola acqua

Alcuni modi di dire con la parola “acqua”:

Acqua in bocca!
Silenzio!

Acqua cheta rovina i ponti!
I simulatori lavorano nascostamente e con successo per i loro fini.

Acqua passata non macina più
Quel che è stato è finito, concluso definitivamente.

Affogare in un bicchier d’acqua
Smarrirsi di fronte alle situazioni più facili.

All’acqua e sapone
Naturale, senza cosmetici, privo di trucco, detto in particolare di un volto femminile.

Andare il cervello in acqua
Impazzire, dire e fare sciocchezze.

Aver bevuto l’acqua del porcellino
Essere fiorentini a tutti gli effetti.

Aver bevuto l’acqua di Fontebranda
Essere leggermente pazzi.

Avere (o venire) l’acquolina in bocca
Avere, provocare forte desiderio di un cibo.

Bere d’ogni acqua
Prendere ciò che è possibile.

Essere all’acqua di rose
Essere una cosa dai caratteri smorzati, leggera.

Essere come bere un bicchier d’acqua
Essere una cosa facilissima.

Essere con l’acqua alla gola
Essere in difficoltà.

Essere come l’acqua e il fuoco
Essere assolutamente incompatibili, tali da non poter coesistere.

Essere della più bell’acqua
Essere la massima espressione di una categoria.

Essere in acque basse
Avere scarsa disponibilità di denaro.

Essere un’acqua cheta
Non mostrare esternamente le operazioni per raggiungere i propri fini.

Fare acqua da tutte le parti
Non funzionare, non servire, riferito a un oggetto rovinato.

Gettare acqua sul fuoco
Sedare una situazione.

Intorbidire le acque
Provocare malintesi.

Lasciar passare l’acqua sotto i ponti
Lasciare passare del tempo prima di fare qualcosa.

Lavorare sott’acqua
Agire astutamente, di nascosto.

Navigare in cattive acque
Trovarsi in difficoltà, come un’imbarcazione che percorra una zona di mare molto insidiosa.

Non sapere che acqua bere
Non riuscire a operare una scelta; non sapere come fare a uscire da una data situazione non necessariamente difficile o spiacevole.

Non sapere neppure d’acqua calda
Non avere nessun sapore, essere una persona insignificante.

Non trovare acqua in mare
Non sapersela cavare; non riuscire a trarsi d’impaccio nemmeno nelle situazioni più semplici.

Pestare l’acqua nel mortaio
Fare una cosa assolutamente inutile; perdere tempo in iniziative assurde o fare fatiche inutili.

Portare l’acqua al mare
Portare roba a chi ne ha già.

Passare l’acqua sotto i ponti
Trascorrere molto tempo.

Tirare l’acqua al proprio mulino
Fare i propri interessi, non considerando gli altri.

 

Perfeziona il tuo italiano con www.impariamoitaliano.com!
 

Modi di dire con la parola “labbra”

Labbra

 

a fior di labbra
In modo appena accennato-

arricciare le labbra
Manifestare disapprovazione, dubbio, disgusto o simili.

avere ancora il latte sulle labbra
Essere ancora giovane e inesperto.

leccarsi le labbra
Gustare molto un cibo.

mordersi le labbra
Trattenersi dal dire qualcosa.

morire sulle labbra
Di sorriso, svanire di colpo. | Di parola, non riuscire a terminarla.

pendere dalle labbra di qualcuno
Subire il fascino di qualcuno

sentirsi bruciare le labbra
Pentirsi di quanto si è appena detto.

Andare a monte

Andare a monte




Andare a monte significa, in senso figurato, fallire, non raggiungere l’esito sperato.

Ci sono altri modi di dire italiani con lo stesso significato: andare all’aria, andare a vuoto, andare a picco, andare a rotoli.

I modi di dire equivalenti in altre lingue sono:

– “tomber à l’eau” (francese),
– “irse a pique” (spagnolo).




Questo sito usa i cookie, anche di terze parti. Se continui a navigare nel sito, presti consenso a tale uso dei cookie.